Rendina


Socio della Società. Nel luglio 1958, insieme al socio Valanzuolo, cercò di convincere telefonicamente Selmosson, in vacanza in Svezia, a non accettare il trasferimento alla Roma.