Micozzi Ercole


Ercole Micozzi
Una breve biografia di Ercole Micozzi fino al 1919. Da "Il Messaggero"

Ragioniere e avvocato. Nato a Roma il 12 aprile 1878 in Borgo Vittorio. Figlio di Filippo, oste, e di Canestrari Filomena. Fu Presidente Generale della Lazio dal 1925 e fino a giugno 1926. Fu sostituito, strategicamente, nel ruolo dal federale Nicolò Maraini per contrastare il tentativo di annettere anche la Lazio nel progetto di fusione delle squadre romane per dare vita alla A.S. Roma. Infatti il fautore di questa bizzarra unificazione, il federale di Roma Italo Foschi, politicamente più potente dell'avv. Micozzi, fu così costretto a trattare con l'influente Maraini e con l'ispiratore del piano anti-fusione, il generale della milizia Giorgio Vaccaro. La manovra ebbe successo e la Lazio rimase autonoma. Nell'importante assemblea del 19 giugno 1926 fu eletto Presidente delle Assemblee sociali della Lazio. Politicamente Micozzi fu Consigliere comunale della Giunta Nathan. Già segretario politico del Partito Democratico Costituzionale (quindi al servizio di Boselli), dirigente al Ministero delle Poste e Telegrafi, studioso delle discipline economiche con un'inclinazione al sociale a vantaggio delle classi popolari (non poteva essere altrimenti per un “boselliano” massone), ma, soprattutto, nel 1925 presidente della Banca Nazionale del Reduce e amministratore delegato della fabbrica Viscosa, ricca di capitali americani.