Caselli Pietro (detto Piero)



Piero Caselli,1938
Pietro Caselli
Caselli in una foto del 1941

Pallanuotista, nuotatore, dirigente. Studente del liceo Virgilio partecipa ai Ludi Juveniles nel 1934. L'anno seguente entra tra gli Allievi della S.S. Lazio dedicandosi al Dorso dove in breve raccoglie degli ottimi riscontri cronometrici. Nel 1937 è finalista ai Campionati Italiani, partecipa alla Bissolati sul Tevere ed entra a far parte della squadra B di pallanuoto come difensore. Iscrittosi alla Facoltà di Ingegneria partecipa col G.U.F. romano a molte gare. E' presente a tutte le competizioni di fondo più importanti cogliendo con il sesto posto alla Traversata di Roma del 1938 il risultato migliore. Partecipa all'incontro internazionale di Roma con la rappresentativa tedesca e segna con 1'19"3 il settimo tempo in Italia sui 100 Dorso; si laurea Campione d'Italia Seniores pur militando ancora nella categoria Junior. Si assicura quindi nel 1940 due titoli di Littore con la 4 x 200 stile libero e con la squadra di pallanuoto. Comincia a misurarsi sulla distanza dei 1.500 metri e diviene titolare della squadra di waterpolo. E' allievo in Aeronautica a Firenze e si assicura agli Assoluti il titolo con la staffetta 3 x 100 Dorso nuotando con Costa e Angeli. Finita la guerra riprende l'attività agonistica dedicandosi esclusivamente alla pallanuoto. Nel 1945 si laurea campione d'Italia, ma il titolo, dopo un reclamo della Rari Nantes Napoli, viene cancellato. Sino al 1948 fa parte della squadra biancoceleste giocando quasi sempre come attaccante. Ritiratosi dalle piscine torna alla Lazio Nuoto agli inizi dei Cinquanta rivestendo per diverse annate il ruolo di Consigliere.