Avellone Giuseppe


Nuotatore. Nato a Marliana (PT) il 23 marzo 1943, detto "Puccio". Dopo aver trionfato nella Coppa Scarioni, fa il suo esordio con la squadra Ragazzi dela S.S. Lazio nel 1956 mettendo subito in mostra qualità fuori dal comune che lo portano ad essere considerato più che una promessa per il nuoto italiano. Specializzatosi nel dorso esplode nel 1958 vincendo tre titoli italiani juniores nell'individuale e nelle staffette. Tra i grandi è terzo negli Estivi sui 100 metri. L'anno seguente ha come personali: 1'03"5 sui 100 s.l. , 1'15"1 sui 100 farfalla e 1'05"5 sui 100 dorso, tempo che costituisce il record assoluto in Italia. Debutta in Nazionale nel triangolare in agosto a Roma con Gran Bretagna e Svezia. Si conferma con due titoli tra gli Juniores conquistando il secondo gradino del podio nei Seniores. I record nel Dorso e le vittorie sia nei Primaverili quanto negli Estivi lo portano alla convocazione per i Giochi Olimpici di Roma. Qui ottiene con la staffetta 4 x 100 mista un onorevole sesto posto in finale. Nel 1961 stabilisce l'ennesimo primato sui 200 Dorso con 2'27"4 (Roma, 2 luglio); vince i titoli tricolori sui 100 e 200. Nell'incontro con l'Ungheria a Sanremo in luglio termina la sua esperienza in azzurro. Si ritira dall'agonismo appena compiuto vent'anni. Nel 2010 il suo nome torna alla ribalta allorché lo si rivede in piscina spinto dal suo medico per motivi di salute. Riesce con l'impegno e la classe di una volta a raggiungere nelle categorie Master successi a livello nazionale e internazionale.